Centralina

Centralina

All’interno di un sistema d’allarme, la centralina ha il compito di gestire e controllare l’impianto attivando o disattivando l’allarme. Tutti i componenti del sistema rispondono al suo controllo, poiché sono collegati ad essa via cavo o via radio. Per comunicare con i vari elementi, le migliori centrali wireless (senza fili) sfruttano la doppia frequenza di trasmissione su due bande radio, la 434Mhz e la 868Mhz; se una delle due frequenze viene manomessa o intercettata, l’altra garantisce la continuità della comunicazione. La rilevanza della centralina, che ha il ruolo di vero e proprio cervello dell’impianto d’allarme, si riflette anche nel prezzo, che rappresenta circa il 30% dell’importo totale del sistema. In media, il costo per l’acquisto di una centralina va dai 200 agli oltre 500 euro nel caso di modelli notevolmente innovativi. Nella centralina spesso viene installato anche il combinatore telefonico GSM integrato con scheda SIM per l’invio di messaggi ai numeri preimpostati dall’utente in caso d’allarme (in determinati modelli il combinatore si può collegare anche successivamente).

Parzializzazione delle zone d’allarme

Fra le funzionalità della centralina, vi è la parzializzazione delle zone da controllare, indicate dall’utente in base alle abitudini in casa e alle esigenze di sicurezza. Ciò vuol dire che, rispetto alle diverse stanze, è possibile attivare o disattivare i sensori in base ai momenti, come quelli interni all’abitazione nel corso delle diverse fasi sia del giorno che della notte. Per esempio, i rilevatori installati nelle camere da letto devono essere disattivati durante le ore notturne, poiché la presenza degli utenti li farebbe azionare ad ogni movimento, mentre occorre attivare quelli del cortile o del balcone scoperti durante la notte. Pertanto le centraline possono gestire le varie zone in base al programma scelto. In più, determinati modelli sono in grado di inviare dei beep sonori in base allo stadio di intrusione, passando da un segnale debole fino ad un aumento crescente quando viene comprovata l’effrazione (alcune centraline hanno un comando per personalizzare il grado acustico della sirena d’antifurto).

Comandi della centrale

Sulla centralina è presente la tastiera, tramite cui si può digitare e interagire per l’attivazione e la disattivazione delle diverse funzioni, il tutto inserendo un codice personale per attivare e disattivare l’allarme; la stessa funzione si può effettuare attraverso l’uso di chiavi elettroniche o del telecomando. Le centraline più innovative assicurano altresì il controllo biometrico attraverso le impronte digitali o la carta RFID.

Controllo da remoto

La centralina si può controllare da remoto grazie alla rete internet, interagendo via web per prendere comandi dal proprietario. Numerose app per Smartphone e Tablet, così come dei software per personal computer, sono stati concepiti espressamente per gestire da remoto i vari elementi che compongono gli impianti d’allarme, dalla centrale alle telecamere di videosorveglianza, per la trasmissione in tempo reale di video e immagini degli ambienti monitorati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.