Antifurto fai da te e installazione di sensori e centralina

Antifurto fai da te e installazione di sensori e centralina

Rate this post

Come installare un antifurto? Volendo, specialmente utilizzando i kit predisposti, si può ricorrere anche all’antifurto fai da te. Spesso alcuni sistemi di allarme sono predisposti appositamente per essere facili da installare e, proprio per questo motivo, non occorre avere delle tecniche specialistiche. Naturalmente ci sono vari fattori da prendere in considerazione, per poter procedere ad installare correttamente un antifurto. In certi casi è meglio farsi consigliare e ricorrere ad un esperto del settore, però in certi casi si può procedere anche da soli. Ma cosa valutare in tutto questo?

Le variabili da prendere in considerazione per il fai da te

Ci sono molti fattori da prendere in considerazione per installare un antifurto fai da te. Infatti un allarme, per poter svolgere una funzione di protezione adeguata, deve di solito comporsi di differenti elementi.

Alcuni sono convinti che basti una telecamera montata all’ingresso dell’abitazione, per risolvere il problema della sicurezza. Invece bisogna valutare, fra le variabili da prendere in considerazione, l’utilità rappresentata dai sensori.

Questi ultimi sono in grado di rilevare i movimenti sospetti. Essi sono collegati ad una centralina che, ricevendo il segnale di allerta, può far scattare così l’allarme. L’allarme può essere di vario genere. Può, per esempio, innescare la sirena, può inviare una notifica sull’applicazione o può allertare la centrale operativa.

Esaminando le caratteristiche del nostro immobile e considerando anche il numero di finestre e di balconi, si ha la possibilità di posizionare strategicamente nella casa i sensori. Ricordiamoci che ciascuno di questi sensori deve riuscire a coprire un certo raggio d’azione e rilevare le azioni dell’eventuale intruso.

La posizione della centralina

Se vuoi procedere con l’installazione dell’antifurto fai da te, devi sapere bene anche il punto in cui posizionare correttamente la centralina, che rappresenta il cervello dell’intero sistema di sicurezza. Naturalmente devi valutare di caso in caso, perché devi vedere se si tratta di una centralina wireless oppure di una centralina provvista di fili.

Se il dispositivo ha una SIM, devi verificare la copertura di rete e posizionarla nel punto migliore tenendo conto di questo fattore. Se la centralina è cablata, devi tenere in conto di effettuare anche delle eventuali opere murarie per segnare delle tracce in cui far passare i cavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.